Benvenuti in TANABATA ようこそ !!!
Benvenuti in TANABATA ようこそ !!!
Carrello 0
Ricordi di un eremo
Tanabata

Ricordi di un eremo

N538
Prezzo di listino €11,00 €0,00

di Kamo no Chōmei

traduzione dal giapponese di Francesca Fraccaro

edizione  Marsilio, 2001 pag. 108 - isbn 9788831768498

"NEL SUO NASCERE E MORIRE DONDE VENGA L'UOMO, DOVE VADA, IO NON SO"
Capolavoro della letteratura del romitaggio, Ricordi di un eremo (Hōjōki, 1212) narra della vita in ritiro di Chōmei, dopo aver preso i voti col nome di Ren’in. Sorta di ideale «autobiografia», queste pagine non si fermano ai ricordi personali dell’autore, ma riescono a sintetizzare la complessa temperie culturale del momento, fase di transizione dal periodo Heian, dominato dalla vecchia società aristocratica, a quello Kamakura, contrassegnato dal potere dei militari. La realtà di un’epoca di convivenza e scontro tra valori vecchi e nuovi (l’urbanità cortese del passato, le aspirazioni religiose destinate a caratterizzare la cultura medievale) trova infatti riflesso nelle contrastanti visioni del testo, in cui si esprime il senso della fine di un mondo attraverso la rappresentazione del declino della capitale Heiankyō, e ancora il sogno di una via di scampo in seno alla natura intesa come un «altrove» non contaminato dalle miserie del presente, sia essa salvifica via d’accesso al Paradiso d’Occidente, o semplice rifugio contemplativo di uno spirito votato alle arti. Chiave d’accesso a ognuna di queste dimensioni, Ricordi di un eremo non ci permette solo di accostarci ad alcune coordinate essenziali alla comprensione culturale del medioevo nipponico, ma anche a una personalità letteraria che, profondamente affascinata dall’ambiguità della psiche, partecipa alla lucida esplorazione del proprio animo.

Condividi questo prodotto


Maggiori informazioni su questa collezione